venerdì 29 giugno 2012

Bar Sport: Germania-Italia 1-2

by Unknown
La migliore partita dell'Italia, in questo europeo, un gioco che sembrava semplicemente impensabile dopo le prime tre partite. E con l'Italia si sta trasformando pure Balotelli, che ieri sera ha dimostrato anche di sapersi divertire e saper gioire dopo un gol (altra cosa che sembrava semplicemente impensabile dopo le prime tre partite). Senza rinunciare alla sua indole, of course.

Balotesta

Partita che stava per essere messa in discussione nell'ultima mezz'ora, quando l'Italia si è trasformata nell'Inter dei tempi d'oro.

Germania inguardabile sotto porta, comunque. Ieri sui giornali era tutto un dire "Il passato non gioca" e "L'Italia non ci fa paura". I fatti hanno dimostrato ancora una volta che ogni volta che arriva l'Italia, la Germania va in tilt e noi puntualmente venimmo, vedemmo e li inculammo!

E adesso la Spagna, con il suo gioco fastidioso e i suoi millemila passaggetti.

BONUS: consiglio a tutti la lettura di questo meraviglioso post dell'Antro Atomico del Dr. Manhattan: Italia - Germania, 2-1: ein, zwei, t'incoolai. :D

Piccola postilla personale: domenica sera non potrò vedere la partita con il gruppo di amici storici, dato che sarò a Eurodisney con le mie bimbe (che per l'occasione verranno parcheggiate a oltranza sulle tazze del Cappellaio Matto, mentre io sarò a soffrire davanti a un maxischermo al Disney Village. Confido nei riti scaramantici dei suddetti amici storici (non ci si alza dal divano, se uno è in bagno mentre l'Italia segna CI RESTA PER TUTTA LA PARTITA etc.) e nella supplenza per il bar sport di lunedì prossimo (comunque vada).  Daje.

2 commenti:

Nick ha detto...

La testina ci sta tutta, il ragazzo segna due gol e si toglie la maglietta. Ammonizione, patemi. Allora non esultare, dannazione!

Belli e bravi. Tutti. Domanda, ma chi fa i titoli dei giornali tetescki e british il giorno prima, lo sa che il giorno dopo è passibile di inkiappettate ancora più dolorose? Imparare dagli errori mai?

Se Marchisio fosse il Marchisio della Juve di quest'anno saremmo una spanna sopra tutti. Ci siamo come corsa e abnegazione, ma gli manca proprio l'ossigeno per i gol, di cui ne ha fatto una carrettata nel club. Altro puntino agli stronzi: Giovinco è più veloce di Di Natale. E di Diamanti. I venti minuti di sofferenza e contropiede lo avrebbero esaltato, io avrei messo lui.

E per me De Rossi è abbastanza un Dio.

Depression Tony ha detto...

DAJE!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...