giovedì 10 ottobre 2013

[RECE] Asterios Polyp di David Mazzucchelli

by Unknown


N.B.: Il volume l'ho preso a Lucca nel 2011 e l'ho letto solo adesso. Meglio tardi che mai! XD

Ma veniamo a noi.

C'è talmente tanta cura, in Asterios Polyp di Mazzucchelli, che non so nemmeno da dove iniziare.

Cura nella confezione: Mazzucchelli, oltre a un ottimo fumetto, ha prodotto un oggetto di design curato nei minimi particolari. Tutto ha una ragion d'essere, forma e contenuto si compenetrano: dal cartone della copertina, destinato a mutare nel tempo, come la vita, all'uso del colore, anzi DEI colori.

Ogni personaggio ha una cromìa, ogni situazione una dominante cromatica; il blu è il passato, il giallo il presente; Asterios è freddo, ciano; Hana è caldo, rosso e magenta.
Due caratteri diversi e distinti fino alla commistione delle loro vite (e quindi dei colori).



Cura nella caratterizzazione dei personaggi, le cui differenze sono rese con uso perfetto di forme e font (e ovviamente colori) diversi.

Cura nella storia, con una trama che parte da una base "banale" come la crisi di mezza età di Asterios, e che viene elaborata in funzione di tematiche che spaziano dall'architettura, all'arte, alla teologia e alla filosofia; dal viaggio di scoperta, alla tematica del doppio, alla contrapposizione tra funzionale e decorativo... un sacco di spunti interessanti da apporfondire.

Un volume da leggere e soprattutto da ri-leggere per scoprire sempre cose nuove.

Capolavoro? Capolavoro. Per forma e per contenuto.

Asterios Polyp
di David Mazzucchelli

Editore: Coconino Press
Formato: cm 20 x 26,5, cartonato con sovracoperta, dorso telato
344 pagine a colori
ISBN: 9788876181733
Euro 30,00


BONUS! Segnalo l'eccellente speciale che Conversazioni sul Fumetto ha dedicato al volume di Mazzucchelli, con approfondimenti, interviste etc.

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...